giovedì 25 dicembre 2014

Recensione Samsung Galaxy Note 3 Neo




Approfitto del periodo un po' più tranquillo per effettuare qualche recensione arretrata e la prima di queste sarà relativa al Samsung Galaxy Note 3 Neo che ho acquistato qualche settimana fa.
Come dico sempre nelle mie recensioni scritte, non troverete dettagli tecnici, test di benchmark e simili perchè fondamentalmente questo tipo di informazioni le trovate già sui vari canali tecnologici (Hdblog, Androidblog, ecc.). Qui troverete le mie opinioni personali dopo aver usato lo smartphone per vari giorni ed in varie condizioni.

Chi segue questo blog saprà che l'ultimo smartphone da me recensito è stato il Motorola Moto X 2013, smartphone di cui ho parlato in maniera entusiastica e che ho acquistato agli inizi del 2014. Perchè l'ho cambiato? Per un solo motivo: la batteria stava dando segni di cedimento e non essendo dotato di batteria removibile sono stato costretto a cambiarlo. Considerando che il Motorola Moto X 2013 è dotato di una batteria da soli 2200 mAh che sono assolutamente pochi per un uso molto intenso, questa volta ho deciso di puntare su un prodotto con batteria removibile e con un'ottima autonomia.

La scelta del Galaxy Note 3 Neo si è rivelata molto azzeccata: comprato a 259 euro (agli inizi del 2014 costava 599 euro), dotato di tutte le funzionalità della S Pen in dotazione al Galaxy Note 3, aggiornato ad Android 4.4.2 Kitkat e dotato di una batteria da 3100 mAh che come vedremo nel corso della recensione mi ha permesso di toccare livelli di autonomia mai raggiunti prima pur utilizzando smartphone Android fin dal 2010.

Il passaggio da un Motorola Moto X 2013 ad un Samsung Galaxy Note 3 Neo costringe ovviamente a delle rinunce notevoli: l'Active Display, Motorola Assist e Motorola Connect sono strumenti di cui fai fatica a farne a meno una volta che li hai provati. Nonostante sia la caratteristica principale del Moto X, del touchless control non sento la mancanza. Bello, utile ma l'ho utilizzato solo una decina di volte per inviare sms al volo o attivare allarmi. Niente che non si possa fare comodamente mettendo il widget di Google Now nella homescreen.

In compenso il Note 3 Neo mette in campo l'esperienza accumulata da Samsung negli ultimi anni per quanto riguarda le suite dedicate ad S Pen, il multiwindows e tanto altro. Tuttavia il software Samsung non è esente da critiche quindi passiamo ora all'analisi dettagliata delle caratteristiche del Samsung Galaxy Note 3 Neo. Userò lo stesso schema che ho utilizzato con Motorola Moto X 2013 così potrete eventualmente confrontare i due smartphone.

Design, Dimensioni e peso

Design e peso a mio avviso vanno promossi a pieni voti. Lo spazio è ben ottimizzato, le cornici sono ridotte e lo spazio occupato dalle stesse è comunque utilizzato dai pulsanti soft touch che così non sottraggono spazio al display. 

Per quanto riguarda il peso parliamo di 162 grammi ma lo smartphone è sottile ed il peso è talmente ben ripartito che il mio vecchio Moto X con il suo design bombato sembra più pesante nonostante pesi solo 130 grammi.

Per quanto riguarda le dimensioni parliamo di 148.4 x 77.4 x 8.6 mm. Pochi millimetri in meno rispetto al Galaxy Note 3 che vi permetteranno di utilizzarlo senza problemi nelle tasche. Non credevo vista la pessima esperienza che ho avuto con il Fonepad Note 6, comunque il phablet è ingombrante, molto più del mio vecchio Moto X che con due centimetri in meno di altezza era veramente il top della compattezza.

Voto: 7

Materiali

Da possessore di un vecchio Galaxy Nexus ancora perfettamente funzionante nonostante gli stress a cui lo sottopongo da diversi anni (lo uso ancora oggi con una custom rom basata su Android 5.0 Lollipop per i test delle applicazioni che recensisco su Androidblog.it) non mi sento di criticare il policarbonato utilizzato da Samsung. 

Niente scricchiolii nonostante la cover removibile e una buona sensazione di solidità in mano. I tasti di accensione e volume non sembrano di fattura economica come accadeva ad esempio con il Moto X 2013 quindi sono soddisfatto.

Il display da 5,5 pollici Super Amoled HD si comporta molto bene nonostante la bassa densità di pixel. Colori un po' saturi nella riproduzione di file multimediali ma in compenso ottima visibilità e contrasto durante la navigazione web con i bianchi e i neri. Il sensore di luminosità tende ad abbassare un pò troppo la luminosità del display. Il processore Exynos hexa core si comporta molto bene.

Voto: 7

Audio

L'audio è buono ma non è ottimo. Buono ad esempio nel volume in conversazione, non particolarmente piacevole con il vivavoce e non particolarmente potente nella riproduzione di file multimediali. Senza infamia e senza lode.

Voto: 6

Fluidità

Qui è inutile girarci intorno. La Touchwiz UI è la peggior interfaccia per Android mai realizzata e si vede. Fin dal primo avvio ci sarà sempre quel microsecondo di lag che è proprio di tutti gli smartphone Samsung con la Touchwiz. Indispensabile secondo me utilizzare Nova Launcher dato che con questo launcher vedrete dei miglioramenti significativi. D'altronde la potenza a bordo non è poca quindi la colpa di questi lag è da attribuire tutta alla Touchwiz. 

Voto: 5

Autonomia

Il miglior smartphone di sempre tra quelli che ho testato. Batteria da 3100 mAh uniti ad un processore Exynos che consuma poco e ad un display con risoluzione solo HD garantiscono risultati eccezionali. Lascio i miei screenshot che parlano da soli. Ho testato lo smartphone in varie condizioni ma non ho mai dovuto ricaricare lo smartphone prima delle 48 ore da quando ho staccato il cavo di alimentazione e il mio è un uso intenso con tante notifiche dai social, email in push (3 account), navigazione web, youtube, gruppo di lavoro ecc... Non ho testato il consumo nei giochi dato che non ne faccio uso ma comunque 5/6 ore di display attivo sono alla portata in ogni condizione mentre con un uso più moderato sono arrivato anche a 7 ore. Con un uso molto tranquillo e con il risparmio energetico attivo i 3 giorni di autonomia potrebbero essere raggiunti.

Uso intenso


Uso moderato


Voto: 10

Sistema operativo e interfaccia 

Sistema operativo Android 4.4.2 Kitkat (ad oggi 25 dicembre 2014 non si sa se sarà aggiornabile ad Android 5.0 Lollipop, rumor basati sul nulla a parte) e interfaccia Touchwiz. La presenza di Kitkat a bordo garantisce ampio supporto delle applicazioni e una maggiore velocità e fluidità rispetto alle versioni Jelly Bean. Se anche non dovesse essere aggiornato a Lollipop non sarebbe comunque la fine del mondo. 

Sull'interfaccia invece mi sono già espresso parzialmente nel paragrafo dedicato alla fluidità e lo ribadisco qui: abbiamo a disposizione la vecchia Touchwiz, un'interfaccia pesante e veramente brutta a livello estetico. Ripeto: installate Nova Launcher per modificare un po' la velocità di apertura delle applicazioni, alcune icone e alcuni widget. Per rimuovere definitivamente la Touchwiz ci vorrebbe una custom rom ma il modding sui dispositivi della gamma Note è altamente sconsigliato per la garanzia.

Voto: 5

Applicazioni di sistema

Qui il voto finale sarà la media fra le applicazioni dedicate alla S Pen e le decine di applicazioni ASSOLUTAMENTE INUTILI presenti su Samsung Apps e non disinstallabili. Voto 10 per le prime, voto 4 per la seconda categoria. Per cui...



Voto: 7

Connettività

C'è di tutto e di più. Vengo da un Motorola Moto X che in quanto a ricezione del segnale e aggancio del wifi era qualcosa di eccezionale ma il Galaxy Note 3 Neo regge benissimo il confronto. Qualche secondo di disconnessione random dal segnale Wifi quando la linea non è particolarmente stabile ma niente di che. dato che il telefono si riprende subito con uno switch immediato da 3G a Wifi. In ogni caso sarà capitato massimo 4 o 5 volte in due settimane e la colpa era del modem dato che ho riscontrato lo stesso problema anche sul mio tablet LG G Pad 8.3. Aggancio ottimo anche con modem molto lontano. Niente da dire sul 3G e c'è anche il sensore ad infrarossi che tramite l'app IR Universal Remote mi permette anche di accendere la TV Samsung direttamente dallo smartphone. Wifi Dual Band, LTE cat. 4, Bluetooth 4.0, NFC ecc...

Voto: 10

Dotazione di sistema

Galaxy Note 3 Neo, Caricabatterie da 2A, manualistica varie, cavo USB-microUSB e cuffie in-ear standard. Niente adattatori per la sim che ricordo è in formato MICRO. 

Apro una parentesi: provenendo da un Motorola Moto X 2013 sono stato costretto a ricorrere ad un adattatore per la mia nano sim. L'adattatore era della stessa "famiglia" di quello con cui ho distrutto il vano sim del mio Galaxy Nexus e quindi "sudando freddo" ho inserito l'adattatore da nano a micro sim nel vano sim del mio Note 3 Neo. Sim riconosciuta al primo colpo. Fine parentesi.

Voto: 7

Prezzo 

Oggettivamente se avessi acquistato questo smartphone sei mesi fa, il voto non sarebbe stato così alto ma oggettivamente oggi il Samsung Galaxy Note 3 Neo lo si trova facilmente online (e non solo) fra i 250 e i 280 euro e a questo prezzo non ci sono al momento phablet concorrenti per rapporto qualità/prezzo.

Voto: 8

Voto finale: 7,2

Il Motorola Moto X 2013 aveva ottenuto un punteggio di 7,6 quindi leggermente superiore dovuto alle funzionalità smart implementate da Motorola, alla compattezza notevole e ad una fluidità che ancora oggi ritengo senza pari nel mondo Android. 

Il Samsung Galaxy Note 3 Neo è uno smartphone che fa dell'autonomia e della S pen i suoi punti di forza. Da notare che oggi i due dispositivi si trovano online nella stessa fascia di prezzo e rimangono i due prodotti che consiglierei maggiormente in questo momento.

In definitiva, sono contento di aver sostituito il mio Motorola Moto X 2013 con questo Galaxy Note 3 Neo anche se l'entusiasmo provato nei primi giorni di utilizzo del Moto X non c'è stato con questo Note 3 Neo che rimane un phablet di sostanza ma dotato di un'interfaccia davvero poco accattivante!

Il Samsung Galaxy Note 3 Neo può essere acquistato qui: