sabato 15 febbraio 2014

Motorola Moto X: come sbloccare bootloader e permessi di root, installare la TWRP recovery e rimuovere il logo Warning Bootloader su Linux




Dopo l'esperienza Asus Fonepad Note 6 sono tornato alle origini con uno smartphone supportato direttamente da Google e dopo il Galaxy Nexus (terminale inossidabile che ancora oggi utilizzo per le mie recensioni di applicazioni) ho acquistato un Motorola Moto X. Un terminale stupendo di cui ho già espresso la mia opinione estremamente positiva in questo articolo. Ora questo articolo è dedicato a chi ha comprato questo dispositivo e vuole procedere allo sblocco dei permessi di root e all'installazione della TWRP.

Vi dico subito che svolgere queste due operazioni è veramente una passeggiata. Il Motorola Moto X è un terminale che si presta al modding allo stesso modo di un Nexus. L'unico ostacolo riguarda lo sblocco del bootloader che va fatto prima di svolgere qualsiasi operazione.

Punto 1: Sblocco del bootloader del Motorola Moto X

In Internet ci sono tante guide per Windows, toolkit vari e metodi per sbloccare il root senza andare a toccare il bootloader. Ma se posso darvi un consiglio, non andate a effettuare operazioni di modding senza aver prima effettuato lo sblocco del bootloader perché è assurdo brickare un terminale da 400 euro per non aver voluto perdere 5 minuti del proprio tempo per un'operazione che si fa dal sito ufficiale di Motorola.

Con Linux potete fare a meno di scaricare tutti gli inutili file come mfastboot o l'archivio .zip contenente il firmware del vostro telefono. Tutto quello di cui avrete bisogno sarà un SDK Android per Linux con adb e fastboot. Qui trovate la guida per configurare l'SDK. L'SDK infatti vi servirà per gestire la modalità fastboot del vostro Moto X.



Ora dovrete recarvi a questo indirizzo: https://motorola-global-portal.custhelp.com/app/standalone/bootloader/unlock-your-device-a/action/auth e autenticarvi con il vostro account Google (lo stesso che avete utilizzato per la configurazione iniziale del vostro Motorola Moto X). A questo punto seguite le istruzioni che troverete all'interno del sito passo per passo. Quando vi chiederò di mettere il vostro Moto X in modalità fastboot dovrete se non l'avete già fatto collegare il vostro Moto X al PC e digitare in un terminale che avrete aperto all'interno della cartella Platform-Tools dell'SDK il comando:

sudo ./adb devices

Questo vi servirà per accertarvi che il vostro Moto X sia riconosciuto da Linux. Nel mio caso il telefono è stato riconosciuto al primo colpo. Se esso viene riconosciuto il comando che avete appena digitato vi restituirò una stringa di numeri del tipo

List of devices attached
000000XXXXXXX111 device

A questo punto digitate quest'altro comando:

sudo ./adb reboot bootloader

Ora il vostro Motorola Moto X è in modalità fastboot. Nel sito Motorola vi verrà suggerito di inserire un codice del tipo mfastboot oem get_unlock_data. Sul vostro PC Linux dovrete digitare questa stringa:

sudo ./fastboot oem get_unlock_data

Ora fate molta attenzione ai seguenti passaggi. Sul vostro terminale Linux vi verrà fuori una stringa di 5 righe di numeri del tipo:


(bootloader) 0AXXXXXXXXXX#XXXXXXXXXXX
(bootloader) XXXXXXXXXXXXXXXXXX#XXXX
(bootloader) XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX
(bootloader) XXXXX#XXXXXX000000000000000
(bootloader) 0000000

Ora lasciando aperto il terminale Linux, per comodità aprite un blocco note e copiate l'intera stringa ad eccezione del (bootloader) nel riquadro che vi apparirà sul sito ufficiale di Motorola come vedrete nell'esempio che trovate nel box "paste together the 5 lines of output..."

Incollate il codice e cliccate su "Can my device be unlocked?" Ora in fondo alla pagina web dovreste trovare la sigla "Request unlock key".

Benissimo. Ora aprite l'indirizzo Gmail che avete utilizzato per autenticarvi sul sito di Motorola e troverete una email con un codice di sblocco. Copiatelo e nel terminale Linux incollate il codice del tipo:

sudo ./fastboot oem unlock ICWCAXXXXXXXXXXXXXNI (sostituendo ovviamente ICWCAXXXXXXXXXXXXXNI con il vostro unlock key personale che vi è stato inviato via email da Motorola)

A questo punto sulla pagina ufficiale di Motorola dovreste ricevere la conferma che lo sblocco del bootloader è andato a buon fine. Se siete arrivati fino a qui il passaggio per lo sblocco dei permessi di root e l'installazione della custom rom TWRP saranno veramente una passeggiata.

Punto 2: installazione della TWRP Recovery su Motorola Moto X

La prima cosa che dovete fare è scaricare il file supersu.zip che trovate sul sito di Chainfire e che dovrete installare tramite recovery. Io ho utilizzato questo file. Ora dovete copiare questo file .zip nella memoria interna del vostro Moto X. Per comodità vi consiglio di scaricare il file direttamente dal telefono in modo da trovare il file .zip nella cartella Download

La seconda cosa da fare è scaricare la recovery. Io ho utilizzato questo file. Ora copiate il file nella cartella Platform Tools del vostro SDK e rinominatelo in recovery.img

Benissimo. Ora mettete il vostro Moto X in modalità fastboot (se avete riavviato in modalità normale il Moto X prima) sempre con lo stesso codice:

sudo ./adb reboot bootloader

E subito dopo digitate:

sudo fastboot flash recovery recovery.img

A questo punto avete installato la vostra recovery. Se non riuscite ad accedervi spostandovi con i tasti del volume, niente paura, riavviate il telefono in modalità normale e sempre da terminale digitate in sequenza:

sudo ./adb reboot recovery

Ora il vostro Motorola Moto X si riavvierà in modalità recovery e vi apparirà la TWRP. Sinceramente io preferivo la CWM ma a quanto pare non è supportata ufficialmente.

Punto 3: sblocco dei permessi di root su Motorola Moto X

Ora dovrete semplicemente tappare su Install e selezionare il file supersu.zip che avete salvato in precedenza. Installatelo e poi riavviate il telefono. Siamo a buon punto ma non abbiamo ancora finito.

Ora dovete scaricare SuperSU dal Play Store ed installarlo sul vostro Motorola Moto X. Probabilmente all'avvio vi dirà "l'eseguibile SU deve essere aggiornato". Autorizzate l'aggiornamento e quando ha finito con un'applicazione del tipo Root Checker Pro verificate se i permessi di root sono stati sbloccati. Questa è la schermata che deve venirvi fuori:



A questo punto il vostro terminale è sbloccato al 100% e tecnicamente potrete installare anche delle custom rom ma francamente vi sconsiglio di farlo perché la rom stock è semplicemente perfetta.

Punto 4: rimuovere l'avviso di Warning Unlocked Bootloader nel boot del Motorola Moto X

Infine, se il logo Warning che visualizzate durante il boot del telefono vi dà fastidio e volete rimuoverlo sappiate che non dovrete fare altro che installare tramite fastboot il file logo.bin che potete scaricare su XDA

Quindi anche in questo caso portatevi nella cartella Platform Tools del vostro SDK Android per Linux, riavviate il Motorola Moto X in modalità fastboot con il comando:

sudo ./adb reboot bootloader

Ed ora digitate:

sudo fastboot flash logo logo.bin

Ora riavviate il telefono ed avrete concluso.

Ogni singolo passaggio di questa guida è stato collaudato dal sottoscritto. Non mi assumo responsabilità relative ad un uso inconsapevole di questa guida. Non è una procedura difficile per chi smanetta da anni ma di sicuro non è semplice per chi si avvicina per la prima volta al modding. Per cui se deciderete di utilizzarla lo farete a vostro rischio e pericolo. La guida ha funzionato al primo colpo nel mio caso, per cui se doveste riscontrare dei problemi, probabilmente non sarò in grado di aiutarvi in quanto difficilmente riuscirò a riprodurre l'errore. Per qualunque cosa, lasciate un commento e vi risponderò quanto prima.