lunedì 29 ottobre 2018

OnePlus 6T: video anteprima, confronto con OnePlus 6 e preordine su Amazon





Una cosa che mi è sempre piaciuta di OnePlus è la velocità con cui arrivano le recensioni dei suoi nuovi smartphone. Questo è reso possibile dal fatto che ad alcuni blogger/youtuber/giornalisti viene inviato il prodotto almeno una settimana prima della presentazione e quindi le recensioni sono già pronte da essere pubblicate non appena termina l'embargo, ossia pochi minuti dopo la presentazione ufficiale terminata oggi alle 17:00 circa (ora italiana).

Per cui senza ripetere tutte le info tecniche di cui ho già parlato su androidblog qui sotto vi lascio i link ad alcuni video di anteprima e anche alcuni video confronti con OnePlus 6. In realtà questi confronti servono a ben poco visto che OnePlus 6 uscirà quasi immediatamente di produzione e quindi almeno sullo store ufficiale non sarà più possibile acquistare OnePlus 6 ma solo OnePlus 6T.

Il discorso è diverso per Amazon, dove presumibilmente potrebbero esserci sconti sostanziosi per OnePlus 6, magari durante il periodo del Black Friday. In ogni caso OnePlus 6T è già disponibile al preordine in varie configurazioni:




Sconsiglierei la versione base 6/128 GB per una questione di rivendibilità. A dirla tutta questa variante mi sembra un banale tentativo di mantenere il prezzo base più basso con la consapevolezza che alla fine sarà sempre la versione 8/128 GB quella preferita dal 90% degli utenti.

Tuttavia il prezzo si alza sempre di più: 559 euro per la versione 6/128 GB, 589 euro per la versione 8/128 GB e 639 euro per la versione 8/256 GB. Se questi prezzi fossero di uno smartphone Samsung, Huawei ed LG sarebbero stati davvero eccellenti perché con la solita svalutazione avremmo avuto uno street-price di 400 euro entro fine anno, ma con OnePlus sappiamo come vanno le cose: il prezzo rimane quello per i prossimi sei mesi e poi verrà lanciato il nuovo modello.

In realtà già a 559 euro bisognerebbe inevitabilmente dare un'occhiata alla concorrenza, perché se OnePlus 6 aveva diverse carenze, OnePlus 6T ne aggiunge un'altra: la mancanza del jack audio. Sebbene non ritenga quest'ultimo una specifica determinante nell'acquisto di uno smartphone, questa va ad aggiungersi alla mancanza della memoria espandibile, della certificazione IP68, di un comparto fotografico al top (Huawei Mate 20 Pro ha alzato gli standard e Samsung ha presentato di recente uno smartphone con un comparto fotografico composto da tre sensori) e c'è ancora una volta il tanto odiato "notch". Per quanto sia più contenuto rispetto a OnePlus 6, Xiaomi Mi Mix 3, Oppo Find X e Vivo Nex S hanno fatto un passo in avanti rimuovendo il notch senza rinunciare al display Full View.

Non fraintendetemi: se dovessi acquistare un top di gamma probabilmente comprerei OnePlus 6T perché per me il binomio Android stock + display AMOLED non può mancare su uno smartphone e se il mio Moto Z dovesse lasciarmi a piedi, non ci sarebbero poi molti altri smartphone in grado di soddisfare queste due esigenze, Pixel 3 a parte.

Però, velocità a parte, OnePlus rimane sempre un gradino sotto la concorrenza nonostante il prezzo si sia ormai alzato parecchio rispetto ai 399 euro da me spesi per acquistare OnePlus 3 un paio di anni fa. Ma queste sono considerazioni personali basate sul prezzo.

Per valutare più approfonditamente le qualità di OnePlus 6T vi lascio ad alcuni video dei colleghi che vi aiuteranno a chiarirvi le idee:


Confronto tra OnePlus 6 e OnePlus 6T - Androidworld



Anteprima OnePlus 6T - Hdblog





Recensione OnePlus 6- TuttoAndroid









Recensione OnePlus 6- Androidworld






Recensione OnePlus 6- MisterGadget