lunedì 7 luglio 2014

Motorola Moto X: quando le custom rom non servono... [Editoriale]




Ho già espresso più volte le mie opinioni sul Motorola Moto X, uno smartphone che continuo a ritenere eccezionale nonostante siano passati 5 mesi dall'acquisto e ci siano state delle novità importanti nel mondo Android: prima fra tutte il rilascio in rapida successione di Android 4.4.3 Kitkat e Android 4.4.4 Kitkat.


Inutile dire che sul mio buon vecchio Galaxy Nexus le custom rom non sono mai mancate fin dal primo giorno in cui ho acquistato il device. Con Android 4.3 avevo trovato la combinazione perfetta, con Android 4.4 sono ritornato alla Cyanogenmod e da pochi giorni con Android 4.4.4 ho abbandonato la CM11 per tornare alle origini con la Slimkat.

La Slimkat è una rom fantastica e garantisce una fluidità incredibile. Sebbene non possa lamentarmi di Moto X una volta installata sul Gnexus mi era balenata in mente l'idea di fare la stessa operazione su Motorola Moto X.

Tecnicamente è un'operazione facilissima da eseguire dato che rispetto a quando ho acquistato questo device ora la Slimkat è supportata ufficialmente ed è disponibile anche la custom rom TWRP ufficiale.

Il punto è che quando hai usato una volta Moto X non puoi più fare a meno di "Ok Google Now". Google ha implementato la keyword "Ok Google" ora anche in italiano ma non c'è storia. Il funzionamento  della modalità "always listening" non ha eguali nel panorama Android.

Ancora più impossibile fare a meno dell'Active Display. Qui non c'è custom rom e applicazione che tenga: ad oggi nessuno è riuscito a replicare l'esperienza d'uso del "display sempre attivo" in modo completo.

Che dire poi di Motorola Assist e Motorola Connect? Applicazioni che possono sembrare banali ma che permettono di controllare le telefonate e inviare messaggi dal computer, di attivare il silenzioso in automatico quando siamo in riunione o quando stiamo dormendo.

Passi che Android 4.4.4 Kitkat stia tardando ad arrivare, ma possiamo rinunciare alle funzionalità che rendono unico il Motorola Moto X per installare una custom rom che trasformerebbe il device in un Galaxy Nexus qualunque? Io credo proprio di no!