mercoledì 3 marzo 2010

avast home edition antivirus


Uno dei problemi che mi hanno spinto ad abbandonare Microsoft e passare a Linux è stata la sicurezza. Microsoft ha bisogno di antivirus, antispyware e firewall. Con linux non ce n'è bisogno (almeno attualmente). Detto questo il 99,9% delle persone che leggeranno questo articolo usano Windows XP. Allora la domanda è: quale antivirus scegliere? Diciamo subito che la scelta dell'antivirus è soggettiva. Un antivirus che per me è perfetto, per te potrebbe essere disastroso. Quindi io voglio presentare l'antivirus migliore di quelli che ho provato: Avast antivirus.
Avast! Home Edition è un software antivirus gratuito per uso personale in ambienti non commerciali. Ad installazione ultimata è tuttavia necessario registrarsi (entro 60 giorni) sul sito web del produttore: si potrà così usare Avast! per un periodo di tempo illimitato e senza alcun esborso economico. Avast! è il pacchetto freeware più completo tra quelli presentati e, dal punto di vista delle funzionalità messe a disposizione, non ha nulla da invidiare alle più famose soluzioni commerciali.
Basti ricordare, ad esempio, come Avast! integri, oltre alle funzioni di base, quelle per il controllo della posta in entrata ed in uscita, per la scansione dei contenuti provenienti dai principali network peer-to-peer (P2P), per l'analisi del materiale scambiato attraverso software di messaggistica istantanea come ICQ, Microsoft Messenger e Trillian.

La completezza in termini di funzionalità si paga un po' dal punto di vista delle risorse macchina richieste: il software è più pesante rispetto agli antivirus "concorrenti". L'installazione è rapida (consigliamo di optare per la configurazione "tipica") ma è richiesto il riavvio del sistema a conclusione della procedura. Avast propone anche un box di dialogo attraverso il quale si può acconsentire o meno all'effettuazione di una scansione dei dischi fissi al successivo riavvio, prima dell'ingresso in Windows. Una possibilità, questa, particolarmente intelligente ed interessante: gli altri antivirus limitano l'esecuzione delle scansioni all'ambiente Windows.



Avast! mantiene due programmi in memoria: il primo effettua l'analisi in tempo reale delle attività in corso, il secondo si chiama Generatore VRDB e si occupa di registrare alcune informazioni-chiave relative al funzionamento dei vari programmi. In caso di infezioni, l'archivio VRDB aiuterà Avast! nell'opera di rimozione sicura del virus. Il Generatore VRDB lavora in background (è possibile scegliere se farlo scattare contestualmente alla comparsa del salvaschermo o nei periodi di inattività del computer) e crea delle copie di backup dei vari file presenti sul disco, ripristinabili nel caso in cui qualche "ospite sgradito" sul sistema, nonostante le difese impiegate, dovesse comunque danneggiarli.

Chiariamo subito che il termine "provider" in Avast si riferisce ai vari moduli che compongono il programma: c'è il provider per la configurazione generale del software, quello per il controllo della posta elettronica, dei client di messaggistica istantanea e così via.
Avast! è l'unico antivirus tra quelli presentati che tenta di integrare anche funzionalità firewall: il provider Protezione rete, infatti, si prefigge lo scopo di rilevare i principali attacchi provenienti dall'esterno durante la connessione Internet. Funzionalità inutile se si usa già un firewall di terze parti.

- Configurazione dei provider
Per accedere alla configurazione dei vari moduli ("provider") di Avast! è sufficiente fare doppio clic sull'icona raffigurante una "a" nella traybar di Windows (l'area accanto all'orologio): verrà mostrato il livello di protezione attivo (sensibilità della scansione) e le regolazioni attuali. Un clic sul pulsante Dettagli permette di accedere alle impostazioni avanzate.
Il provider Protezione standard permette di regolare le impostazioni del controllo in tempo reale di file e cartelle. Gli utenti più evoluti possono usufruire di una vasta schiera di opzioni cliccando sul pulsante Personalizza. Molto valido il controllo della posta elettronica che si integra con il client in uso. Per quanto riguarda gli altri provider è bene disattivare quelli che non si utilizzano od abbassarne la sensibilità.



- Scansione di dischi e cartelle
Cliccando sull'icona Avast! Antivirus del menù Programmi, è possibile accedere alla finestra che consente la scansione di singole cartelle od intere unità disco. Sebbene l'interfaccia sia liberamente personalizzabile mediante l'applicazione di varie "skin", risulta secondo noi troppo pomposa e dispersiva. Le icone incolonnate sulla sinistra consentono di scegliere che cosa analizzare e il tipo di scansione (rapida, standard o completa).
Le icone sulla sinistra, invece, consentono - rispettivamente - di accedere alla "quarantena" (Cestino) di Avast!, di impostare la sensibilità della scansione antivirus del modulo residente in memoria e di aggiornare il prodotto scaricando le ultime definizioni virali disponibili. Le impostazioni generali dell'antivirus sono raggiungibili cliccando sul pulsante in alto a sinistra.

DOWNLOAD AVAST HOME EDITION