mercoledì 17 febbraio 2010

creare cd installazione ubuntu


Ubuntu Customization Kit (che nel resto dell'articolo chiameremo UCK) è l'equivalente per il mondo Linux di nLite, per Windows XP-2000-2003, e di vLite per Windows Vista, cioè un software che permette di creare dei CD personalizzati dai quali rimuovere, o inserire, vari pacchetti a vostra scelta.

Potete usare UCK per personalizzare tutti i Live CD di Ubuntu, Kubuntu, Xubuntu e Edubuntu.

Scaricate l'ultima versione del programma -attualmente siamo alla 2.0.10- da
link , salvatelo nel computer in una cartella qualsiasi oppure installatelo direttamente.
Installate gli altri pacchetti richiesti.
Una volta installato trovate il programma UCK nelle Applicazioni - Strumenti di Sistema.

Chiudete pure la prima schermata proposta: si tratta di una sorta di riassunto delle caratteristiche minime necessarie per far funzionare il programma. Contemporaneamente a questa schermata si apre anche la finestra del terminale.
Scegliete quale lingua installare.
Scegliete poi quale lingua visualizzare al boot del Live CD (di default di solito mostra l'inglese).
Scegliete l'ambiente desktop del CD personalizzato.
Scegliete la cartella che contiene la vostra immagine ISO da personalizzare.
Potrebbe avvisarvi che l'immagine ISO non è valida: in tal caso, premete Ok e proseguite. A me non ha poi dato nessun problema.
Date un nome, lungo al massimo 32 caratteri, al vostro Live CD personalizzato.
Potete ulteriormente personalizzare il vostro CD togliendo altri componenti che non vi servono e aggiungendone degli altri più utili. Rispondete Yes se volete fare questo tipo di operazioni.
Potete anche rimuovere tutti i file che possono essere utilizzati sotto Windows come Wubi.
Le prime informazioni sono state raccolte e UCK è pronto ad iniziare la creazione dell'immagine ISO.
Inserite la vostra password e attendete il termine del processo di estrazione dell'immagine ISO.
Una volta terminata la rimozione delle lingue e di tutte le componenti che avete già scelto di scartare, si apre la schermata che permette di inserire ulteriori personalizzazioni.

Io scelgo il Run package manager per avere una comoda interfaccia da cui scegliere le applicazioni da rimuovere o aggiungere. Chi preferisce l'uso della console scelga pure la seconda voce.
Questo è stato il passaggio meno chiaro di tutti: a volte, usando il Quick search per trovare velocemente qualche programma che volevo rimuovere, mi sparivano tutti i programmi e non riuscivo più a rivederli. Così chiudevo la schermata e ricominciavo dalla finestra precedente.
Scaricati e installati/rimossi i vari pacchetti scelti, si ritorna alla schermata precedente e si preme il Continue building.
Parte una nuova integrazione dei pacchetti e bisogna solo attendere il messaggio di fine creazione dell'immagine ISO.
A questo punto si può chiudere anche il terminale che si era aperto: basta premere Invio.
L'immagine ISO è adesso completa e basta masterizzarla per poterla utilizzare. Solo la prima riga del menu rimane in inglese, ma per il resto avrete un supporto live personalizzato come volete voi.