giovedì 14 gennaio 2010

circuiti combinatori e sequenziali


I circuiti digitali si dividono in 2 categorie:

-Combinatori
-Sequenziali

I circuiti combinatori sono caratterizzati dal fatto che lo stato delle uscite in un certo istante dipende solo e sempre dallo stato presente sugli ingressi nello stesso istante. Questa classe di circuiti comprende le porte logiche ed altri circuiti che consentono di realizzare funzioni tipiche ricorrenti nei sistemi digitali: codifica e decodifica dei dati, multiplazione, demultiplazione, confronto, controllo di parità, operazioni algebriche su numeri binari

-Codificatore: rivela la presenza di un livello attivo su una delle linee di ingresso fornendo sulle linee di uscita un determinato codice binario.
-Decodificatore: rivela la presenza sui propri ingressi di particolari combinazioni di bit (codici) attivando per ciascuna di esse una determinata linea di uscita.
-Multiplexer: trasferisce in un' unica linea di uscita i dati digitali presenti ai suoi n ingressi( 2, 4,8,16,32 etc).la selezione del dato da trasferire avviene attraverso gli ingressi di selezione (es. per 8 ingressi dati avrò 3 ingressi di selezione, per 16 ingressi dati avrò 4 ingressi di selezione etc.)
-Demultiplexer: distribuisce il dato digitale di ingresso ad una delle linee di uscita, in relazione allo stato logico presente sugli ingressi di selezione
-Comparatore: confronta tra loro due codici digitali e segnala se sono uguali

I circuiti sequenziali sono caratterizzati dal fatto che, in un dato istante, le uscite non dipendono solo dai livelli logici presenti sugli ingressi nello stesso istante ma anche dai livelli logici assunti dalle uscite negli istanti precedenti. Vista la complessità di questi circuiti mi limiterò ad elencarli:
-LATCH
-LATCH CON ABILITAZIONE
-FLIP-FLOP
-REGISTRI
-CONTATORI SINCRONI E ASINCRONI